I 10 migliori film di fantascienza del decennio - / Film

10 Best Science Fiction Films Decade Film

I migliori film di fantascienza del decennio

(Questo articolo fa parte del nostro Il meglio del decennio serie.)



In una sorprendente svolta degli eventi, mettere insieme un elenco dei più grandi film di fantascienza degli ultimi dieci anni si è rivelato più difficile di quanto inizialmente valutato. Il motivo, tuttavia, non è perché non c'erano abbastanza elementi fantascientifici per evocare un elenco, ma piuttosto, al contrario. Dopo un'attenta considerazione, si scopre che c'è una miriade di gemme degne di nota sotto-viste, rendendo la vera sfida ridurre questa lista a una mera top ten.

Quello che amo è un moderno gioco suburbano di eventi cosmici che renderebbe orgoglioso Rod Sterling. Evoluzione è una favola di una bellezza devastante su giovani ragazzi in un remoto villaggio francese che maturano in creature marine, un commento sulla pubertà maschile catturato attraverso Lo strano colore delle lacrime del tuo corpo L'occhio meticoloso del DP Manuel Dacosse. Justin Benson e Aaron Moorhead The Endless suona come un film cult folcloristico degli anni '70 che accende un dibattito sul ciclo infinito di relazioni tossiche. Yorgos Lanthimos ' L'aragosta è diverso da qualsiasi altro film che abbia mai visto. Grabber è una commedia strepitosa e assolutamente unica in cui l'unica arma accessibile contro un'invasione aliena in una remota città irlandese è tanto, tanto alcol. Bong Joon-ho's Snowpiercer e Va bene sono entrambe nuove entusiasmanti aggiunte al genere e Spike Jonze Sua serve non solo come satira sulla crescente dipendenza della società dai telefoni cellulari, ma anche come uno sguardo alle relazioni in generale nel nostro clima attuale e ai modi in cui nascondiamo le nostre emozioni anche a noi stessi.

Purtroppo, solo dieci punti sono stati assegnati per questo pezzo, che è, per dirla semplicemente, molto difficile. Ecco perché ho deciso di non includerne nessuno Guerre stellari o film Marvel Cinematic Universe in questo elenco. Per me, la fantascienza riguarda il rafforzamento di una realtà già radicata e in qualche modo credibile, mentre i mega franchise della Disney sono più una rottura completa dalla realtà. Entrambi i percorsi offrono film divertenti, ma per il gusto di scendere a chiodi di ottone, ho scelto di omettere tutti i film dalla casa del topo.

Senza ulteriori indugi, ecco i miei dieci migliori film di fantascienza del decennio - una lista che, piuttosto involontariamente, ha molti film guidati da donne al seguito. Calcola quello che vuoi.

Aniara Trailer

10. Aniara

Originariamente programmata per trasportare i coloni da ciò che resta della Terra eviscerata fino alla loro nuova casa su Marte, la nave Aniara devia dalla rotta quando alcuni detriti spaziali purtroppo costringono il capitano a gettare via il resto del carburante rimanente della struttura, trasformando il loro passaggio iniziale di tre settimane in un viaggio senza fine sempre più in profondità nella vastità dello spazio. Basato su un poema epico di fantascienza degli anni '50, la parola 'Aniara' deriva dal greco antico, che significa 'triste' o 'disperato'. Un titolo azzeccato, questo adattamento del 2018 dei registi Pella Kågerman e Hugo Lilja è uno sguardo disperatamente cupo al vuoto profondamente inquietante dello spazio e ai modi in cui l'uomo è impreparato ad affrontare gli elementi in un territorio così inesplorato. Piccole distrazioni sotto forma di lavoro fisso, centri commerciali e una macchina monolitica chiamata Mima aiutano i passeggeri a bordo del volo condannato a mantenere la loro sanità mentale per il momento, ma mentre i giorni si trasformano in mesi ei mesi si trasformano in anni, il loro il comportamento diventa più irregolare. Condotta oscena. Autodistruzione. Culti religiosi. Orge non ortodosse. Totalitarismo vizioso. L'oscurità scoperta sepolta nel profondo dei cuori di questi residenti sempre più senz'anima arriva a superare qualsiasi vuoto trovato al di fuori di queste mura, rivaleggia con qualsiasi terrore che si nasconde negli angoli più bui del nero infinito.

Lakeith Stanfield - Mi dispiace disturbarti

9. Mi dispiace disturbarti

La satira selvaggia di Boots Riley sul capitalismo si brucia nel cervello attraverso scelte narrative ed estetiche audaci. Interpretato da un simpatico ma goffo LaKeith Stanfield, Cassius Green fatica a sbarcare il lunario nel suo lavoro di telemarketing fino al giorno in cui un veterano che chiama passa per un punto di svolta: usa la tua voce bianca. Doppiato letteralmente da un uomo bianco - David Cross, per l'esattezza - questo crollo ferocemente originale in una tana di coniglio commerciale sempre più strano inizia con la realtà accresciuta di un dominio futuristico in cui la schiavitù moderna viene venduta sotto forma di alloggi 'WorryFree', e da lì si tuffa fino in fondo in un mondo in cui gli amministratori delegati trasformano i loro migliori lavoratori in uomini a cavallo, il tutto nel nome di sfornare un prodotto più veloce. Uno sguardo brillante e vivace su dove può andare il futuro della fantascienza, lo spettacolo ribelle di Riley è sia un commento sullo stato attuale della gentrificazione nella Bay Area sia un racconto ammonitore di quali febbrili paesaggi infernali attendono la classe media sempre più piccola e avida. mostri in alto a chiamare i colpi.

8. Alta vita

L'America non era ancora nemmeno atterrata sulla luna quando Stanley Kubrick si è scatenato 2001: A Space Odissea sulla scena nel 1968, fornendo così uno sguardo al futuro che nessuna sfera di cristallo potrebbe evocare. In modo simile, la regista Claire Denis passa dal digitale al 35 mm nel momento cruciale in cui la febbre della sua cabina ha fatto impazzire padre e figlia accolgono l'oblio, proiettando sullo schermo l'immagine di un buco nero arrossito poche settimane prima che gli scienziati della vita reale presentassero un'immagine incredibilmente simile. spettacolo degli stessi fenomeni dello spazio profondo. Profeti del loro tempo, sia Kubrick che Denis presentano opere d'arte pazienti, metodiche e stimolanti che sono leggermente troppo avanzate per l'epoca in cui risiedono. Con Robert Pattinson in alcuni dei suoi migliori lavori fino ad oggi, questa discesa rituale iper-sessuale nel delirio che spinge i confini è qualcosa che devi guardare al buio.

john boyega in attacco al blocco

7. Attacca il blocco

Prima di salvare la galassia, John Boyega era impegnato a salvare il blocco. Quando i cieli iniziano a piovere Gollum sulle strade della Gran Bretagna, un gruppo di teppisti del quartiere si prende la responsabilità di uccidere gli invasori spaziali usando le migliori armi che riescono a trovare: una mazza da baseball, una pistola ad acqua, un machete e un pattino da ghiaccio . Accresciuto da una partitura di Steven Price, lo stesso compositore di Cuarón Gravità - Il film d'esordio di Joe Cornish trova la sua forza nelle sue battute accattivanti lanciate avanti e indietro tra i ragazzi, che diventano più umani con ogni interazione aliena, e nei suoi effetti pratici a basso budget estremamente impressionanti e nel design unico dei personaggi. Alieni con denti luminosi nel buio, senza occhi e ruvida pelliccia nera? Un posto tranquillo , mangia il tuo cuore.

6. Gravità

Ancorata dalla straordinaria performance di Bullock, la discesa profondamente personale di Alfonso Cuarón nell'esplorazione dello spazio è il raro film di fantascienza che trova effettivamente la paura nell'ambiente stesso, piuttosto che fare affidamento sulla reazione umana a un isolamento prolungato. Attraverso riprese POV in prima persona catturate dall'occhio di talento di Emmanuel Lubezki e una colonna sonora sempre più paranoica di Steven Price, ci sentiamo intrappolati anche noi in un viaggio infernale di delirio crescente e circostanze insondabili. Ryan Stone di Bullock è un brillante ingegnere medico che si separa dal suo equipaggio e deve ritrovare la strada per tornare sulla terra prima di rimanere senza ossigeno. Un guscio emotivamente non disponibile di una persona, questa madre in lutto non ha sentito la fretta di una destinazione da quando sua figlia è morta in quel bizzarro incidente al parco giochi. Da allora, la sua natura di pilota automatico la registra a malapena come più viva della bambina che ha perso. Quando la sua prima missione sullo shuttle viene interrotta da un temporale di schegge spaziali, Ryan deve prendere la decisione tra seppellirsi con il suo lutto o guadagnare tempo per sostenere ciò che resta della sua psiche danneggiata a casa, per ricostruire, per rinascere.

5. Sotto la pelle

È difficile pensare a un'immagine di questo decennio così aggressivamente influente come quella di Scarlet Johansson, che si toglie i vestiti, che si allontana seducentemente dalla telecamera in un mare di nero mentre un uomo nudo ingenuo la segue scioccamente dietro di lei, sprofondando nel pavimento, fino ai suoi gomiti nell'oscurità. Lo chef-d’oeuvre del 2013 di Jonathan Glazer potrebbe non aver avuto successo al botteghino sin dalla sua uscita iniziale, ma nel corso degli anni questo dramma sperimentale tragicamente sottovalutato ha trovato il suo piccolo seguito di culto, che filtra timidamente nelle sfaccettature del mainstream. Che si tratti del design di produzione per le scene 'vuote' prive di sensi di Eleven Stranger Things , o il campione - e siamo onesti, a volte semplicemente derubato in alcuni progetti - il punteggio di Mica Levi in ​​programmi come storia dell'orrore americana , questa cara indie guidata da ScarJo non è solo un brillante filmmaking, ha innegabilmente cambiato l'aspetto della fantascienza negli anni a venire. La misteriosa stanza nera dove le vittime vengono letteralmente risucchiate a secco. Le dinamiche di genere fluttuanti dimostrate dalla preda trasformata in predatore. Le corde stridule sempre curiose che sonoramente accentuano ogni sguardo affamato di una donna che dà la caccia a uomini vulnerabili. Lo scenario fantasy di realizzazione del desiderio in cui una donna da sola si sbarazza dei tizi che presumono di dover loro qualcosa semplicemente esistendo (ciao Promettente giovane donna ). Non c'è un solo pezzo di questo film che non abbia lasciato un'impronta digitale sullo stato del cinema come lo conosciamo oggi.

4. Ex Machina

Un bollente Test di Turing prolungato nel corso di una settimana si trasforma in un gioco pericoloso. Nel bel mezzo del tentativo di stabilire se l'A.I di Alicia Vikander Ava passa per umana, l'irrequieto programmatore di Domhnall Gleeson Caleb inizia a chiedersi se sia lui quello che viene testato. Inizialmente euforico all'idea di trascorrere un po 'di tempo privato con il ragazzo genio Nathan (Oscar Isaac), un uomo che Caleb paragona a Mozart, il prodigio arriva nella sfuggente proprietà di montagna del CEO desideroso di far parte di qualunque cosa la mente sta attualmente lavorando, inconsapevole che il suo idolo sta semplicemente costruendo graziosi prigionieri per il suo castello. Attraverso sessioni sempre più intense tra Caleb e Ava, il debutto alla regia di Alex Garland esplora sfacciatamente le domande che hanno a lungo afflitto l'umanità: avere coscienza rende qualcuno umano? La cognizione può esistere senza interazione? È moralmente corretto creare una vita che esiste debolmente come polvere al vento, ritenuta in ultima analisi sacrificabile? Una storia sorprendentemente femminista, sostenuta da un'esibizione tesa e stratificata di Vikander e da un'indimenticabile sequenza di danza di Isaac e Sonoya Mizuno, questa gemma nascosta usa ciò che accade alla ragazza macchina di Vikander come una storia di origine: la domanda è: è lei l'eroe o il cattivo?

Scienza dell'arrivo

3. Arrivo

All'inizio del dramma denso e acutamente potente di Denis Villeneuve, il rigido matematico di Jeremy Renner recita un passaggio - alla faccia della donna che lo ha scritto, nientemeno, la dottoressa Louise Banks di Amy Adams - con un'aria di disgusto, riassumendo a casaccio il tutto il timer in un colpo solo: “La lingua è il fondamento della civiltà. È il collante che tiene insieme un popolo. È la prima arma estratta in un conflitto ”. Quando dodici proiettili volanti non identificati atterrano inspiegabilmente in varie località in tutto il mondo, il linguista Banks viene portato a bordo della nave aliena a gravità zero dall'esercito americano nel tentativo di comunicare con gli 'Heptapod' coniati e cercare lo scopo del loro arrivo. Banks ha difficoltà a chiamare le gigantesche mani fluttuanti amputate con dita allungate con la loro corretta categorizzazione - alieni - ed è facile capire perché. Questa è un'esperienza catartica radicata nelle vesti di un film extraterrestre di Hollywood appariscente costellato di stelle. Una master class nella costruzione di mondi, questo storditore del 2016 è il regista Villeneuve al vertice del suo gioco, che utilizza il grande meccanismo di investigazione delle creature dallo spazio come veicolo per trasmettere un sentimento molto personale sull'amore incondizionato e il potere dell'empatia nella forma del linguaggio.

sequel bit furia strada

2. Mad Max: Fury Road

Denti cromati lucidati con spray argento. Una volata esasperata senza sosta al Valhalla. Primal urla implorando di essere visto annebbiare l'aria del deserto. Un crudele dittatore totalitario più macchina che uomo. Una sacca di sangue umano letterale. Chitarre lanciafiamme pizzicate da pazzi distopici. Macchine coperte da Spike che lanciano fuochi d'artificio color cremisi in un cielo eterno. Dee guerriere amputate che rifiutano di essere cose. Un uomo ridotto a un solo istinto: sopravvivere. Questo è il mondo di Max, il suo fuoco e il suo sangue. In un'epoca in cui i grandi film di successo stavano annoiando il pubblico fino alle lacrime con pixel sfruttati eccessivamente e grafica generata al computer in abbondanza, il leggendario regista settantenne George Miller è entrato in scena con un ritorno radicale al suo Mad Max franchising e ha mostrato a tutti i bambini come si fa. Ambientato in un'epoca in cui le guerre per l'acqua controllano la narrazione, l'ultimo di Miller non è solo un trionfo di effetti pratici in camera, ma anche un precedente pionieristico nel passare la torcia all'unica donna armata che ha una mira migliore del prigioniero maschio arrogante e abile che è. a malincuore ha accettato di consentire come passeggero nelle porte dell'inferno.

film preferiti di barack obama

1. Annientamento

A metà del misterioso secondo film di Alex Garland, c'è una scena in cui un orso mutato con un teschio umano sbucciato urla in faccia a un biologo imbavagliato e legato, urlando malvagiamente con la voce della donna che la bestia ha appena ucciso. Nelle mani sbagliate, un momento come questo potrebbe virare pericolosamente verso lo schlocky territorio dei film di serie B, ma sotto le cure di Garland, sembra sia sconcertante che specifico. Una realtà impossibile intrappolata in un'eco da incubo. Il regista Garland adatta liberamente l'omonimo romanzo di Jeff Vandermeer, il film segue Lena, piena di sensi di colpa, Natalie Portman, mentre si imbarca in una missione suicida nel luccichio, un bizzarro recinto alieno sulla terra da cui nessuno torna mai. Quando il marito militare scomparso torna a casa dal suo incarico segreto per la prima volta in un anno con insufficienza multipla d'organo, Lena è così sollevata e afflitta dalle sue infedeltà che decide di intraprendere il viaggio attraverso lo strano ambiente che ha rivendicato il suo amante. , sperando di trovare una sorta di antidoto per ripristinare l'uomo che conosceva una volta. Più Lena si avventura nel luccichio, più è un viaggio interiore che abbraccia sia fisicamente che metaforicamente. Se alla fine riuscirà o meno a scappare dalla misteriosa prigione del prisma, è ancora da vedere, ma come un cancro, l'esperienza del suo viaggio lascerà inevitabilmente Lena cambiata irrevocabilmente. Lo studio di Garland su quanto sia difficile essere umani è una straordinaria esecuzione del cinema sia a livello narrativo che visivo, che vanta alcuni effetti visivi davvero rivoluzionari, il tutto mantenendo un tema universale della tendenza dell'umanità all'autodistruzione nelle sue numerose iterazioni.

Articoli Interessanti