Recensione di The Curse of La Llorona: A Huge Disappointment - / Film

Curse La Llorona Review

La maledizione di La Llorona si apre in Messico nel 1673, quando incontriamo la donna piangente del titolo in lei, diciamo, giorni migliori. Il film ci introduce alla leggenda latinoamericana, in cui una donna disprezzata annega i suoi figli in un fiume e poi viene sopraffatta dal dolore e dal senso di colpa. È un modo affascinante per iniziare un film. È anche l'ultima volta La maledizione di La Llorona funziona su quasi tutti i livelli.



Facciamo un salto in avanti di 300 anni a Los Angeles nel 1973 e potresti chiederti perché questo film è ambientato negli anni '70. Non c'è una vera ragione tematica per questo, ed è così stilisticamente insipido da trarre il minimo vantaggio da un decennio così esteticamente interessante. No, La maledizione di La Llorona è ambientato nel 1973 semplicemente così possiamo avere una scena usa e getta che collega questo film al Evocazione universo nel modo più superficiale possibile. Tony Amendola Padre Perez si presenta per un minuto caldo, ricorda una bambola, otteniamo un flashback in bianco e nero Annabelle e BOOM, ti sei procurato un Evocazione film.

Linda Cardellini interpreta Anna, una mamma vedova e investigatrice del CPS il cui lavoro la porta a casa di Patricia Alvarez ( Patricia Velasquez ). I ragazzi di Patricia non vanno a scuola da pochi giorni e Anna li controlla, trovandoli chiusi in un armadio con un sigillo protettivo dipinto sulla porta. Si scopre che Patricia sta cercando di ospitare i suoi figli da La Llorona, un demone piangente vestito di bianco che ha passato tre secoli a rubare bambini, cercando di sostituire quelli che ha annegato in un impeto di gelosia, e ora i figli di Anna ( Roman Christou e Jaynee-Lynne Kinchen ) rischiano di essere strappati.

La Llorona deve essere stato un ruolo così ingrato per Marisol ramirez , che non fa altro che strillare per più di novanta minuti. La maledizione di La Llorona fa molto affidamento - disperatamente? - sul salto spaventa, e se salti le prime due volte il volto orribile e stridente di La Llorona si apre nell'inquadratura, aspetta solo che finisca, perché succede così spesso che sarai insensibile a lei in pochissimo tempo. Voglio dire, sicuramente quello non è il regista Michael Chaves 'Obiettivo, mostrarci il suo mostro così tante volte che lei inizia a annoiarci, giusto? E ancora.

Altre decisioni prese da Chaves e scrittori Mikki Daughtry e Tobias Iaconis sono più facili da scoprire e la motivazione sembra quasi interamente commerciale. Perché questo film è ambientato negli anni '70? Quindi possiamo collegarlo a un famoso franchise cinematografico. Perché lo fa Raymond Cruz Il guaritore della fede continua a fare battute banali nel mezzo di scenari potenzialmente letali? Oh, perché speri che sarà il preferito dai fan e avrà il suo spin-off. Così tanti La Llorona Le scelte narrative di S si sentono fatte dal comitato per le ragioni più grossolane possibili, rinunciando a narrazioni sensate a favore di battute, flashback e uova di Pasqua. La maledizione di La Llorona fallisce al livello più elementare: non riesce mai a raccontare una storia logica in modo avvincente.

Il che andrebbe bene, più o meno, se fosse ancora un buon momento. È facile per i fan dell'horror perdonare una storia stupida finché le paure sono buone e l'energia è alta. Ma La Llorona è tiepido e apatico per quasi ogni minuto del suo tempo di esecuzione. Gli spaventi vengono telegrafati, il ritmo è assonnato e non cerca nemmeno di coinvolgere visivamente il suo pubblico. Tutto è blu, grigio o beige, velato e piatto. Uscirai con gli occhi desiderosi di vedere il colore, qualsiasi colore, perché questo film ne è così privo.

Ed ecco il problema: Linda Cardellini, anche se brava nel suo ruolo, non è il vantaggio così necessario che dovrebbe essere (o di solito è). Dovremmo tutti avere più Linda Cardellini in tutto, in generale, tranne forse in Questo . Perché Linda Cardellini è la protagonista di un film incentrato su una leggenda che i latinoamericani raccontano da generazioni? Certo, il nome completo del suo personaggio è Anna Tate-Garcia e i suoi figli sono birazziali, ma dal momento che suo marito è morto prima dell'inizio del film e il patrimonio culturale dei suoi figli non viene mai esaminato da La Llorona anche nel modo più obbligatorio, è impossibile sapere come tutte le persone coinvolte pensassero che l'aggiunta di una '-Garcia' al suo nome avrebbe in qualche modo mitigato il fatto che un'attrice bianca è la protagonista di un film su La Llorona. Mi piacerebbe vedere una versione di questo film dal punto di vista di Velasquez, o di Cruz, o anche dei figli di Anna. Ma sono tutti relegati ai margini di supporto.

È un peccato, perché La Llorona è un racconto popolare così interessante e inquietante e un film sulla donna che piange prodotto da James Wan | suona come un gioco da ragazzi. Ma qui è tutto così incompleto e pigro, la regia e soprattutto la narrazione. Sembra come se La maledizione di La Llorona era rotto fin dall'inizio, perché invece di iniziare con 'Non sarebbe bello se raccontassimo una storia su La Llorona', i produttori hanno chiesto, 'Non sarebbe bello se introducessimo di nascosto un altro film nel Evocazione universo?' La stessa La Llorona si sente come un ripensamento. Non c'è da stupirsi che stia piangendo.

/ Valutazione del film: 3 su 10

Articoli Interessanti